martedì 27 ottobre 2009

Clark Gable, chi era costui?

Stream of consciousness o scritti ragionati e pesati in precedenza? Sostanzialmente il tutto si riflette in due concezioni diverse della propria vita, chi più razionale e di testa e chi più istintivo e di pancia. A quale categoria appartengo? E chi lo sa, a volte ritengo di essere razionale, anche troppo, a volte vorrei essere del tutto istintivo, a volte lo sono proprio. Ma sarà per tutti così? Ognuno di noi possiede dentro di sè lo yin e lo yang e questi due elementi si bilanciano a vicenda? Francamente me ne potrei infischiare, parafrasando il buon vecchio Clark Gable in "Via col vento", alla fine sto solo cercando di vivere il meglio possibile questa mia vita, anche se vi sono giorni in cui la cosa mi sembra veramente difficile... E tornando a Clark Gable, giusto ieri un mio collega mi ha fatto notare come i miei baffi, così odiati e derisi dalla mia ragazza, sono pari pari quelli del suddetto attore; in realtà me li sono fatti così pensando al Professor Di Giancamillo, dell'Istituto di radiologia della Facoltà di Medicina Veterinaria di Milano, e a George Clooney nel film dei fratelli Cohen "Fratello dove sei?", che a sua volta si rifà a Clark Gable. Mio dio che giro di riferimenti a cui adesso come adesso non sono più in grado di stare dietro...
Ma poi alla fine cos'è la felicità? "La chiave della felicità è la disobbedienza in sè a quello che non c'è", e non sarei mai stato in grado di darne una definizione migliore, in effetti. Proprio perché è un qualcosa di inspiegabile, e gli Afterhours sono quelli che più mi hanno convinto con la loro strofa. Adesso la smetto con questo mio primo post perché in realtà avrei migliaia di cosa da fare e come al solito mi perdo nei meandri della rete. Hasta siempre, a presto

3 commenti:

  1. grazie signore... finalmente il coiatelli, G.M. per gli amici ha trovato un modo di buttare un po' di tempo nel cesso! ma almeno condivide i suoi pensieri.. se ne sentiva la mancanza? a me un po' manca in realtà.
    e dopo aver sentito la storia dei baffetti da 3 diverse fonti mi si pongono due alternative o scrivere un film destrutturato campione di incassi o pregare il signore perchè se li tagli e la faccia finita!
    scusate la lungaggine ma oggi pure io mi annoio!

    RispondiElimina
  2. Matteo Giorgio Culatello29 ottobre 2009 15:49

    Oh, finalmente qualcuno che commenta il mio blog... se penso che quel pirla di Teo non è nemmeno in grado di farlo... Grazie, giecgreip!!

    RispondiElimina
  3. ....vuoi vedere che ce l'ho fatta?????

    RispondiElimina